BUON ANNO, NICOLETTA DOSIO

Nicoletta Dosio, storica militante notav di Bussoleno (in Val Susa), è stata arrestata il 30 dicembre 2019, alla giovane età di 73 anni, con l’accusa (alla quale è seguita una condanna definitiva) di violenza privata e interruzione di pubblico servizio, per aver partecipato nel 2012, insieme ad altri notav, ad una manifestazione pacifica di protesta al casello autostradale di Avigliana (in provincia di Torino), considerando anche il mancato introito per la società che gestisce l’autostrada (ben 700 euro…). Risultato: un anno di carcere da scontare. Dopo la condanna la Dosio rivendicò la sua scelta, dicendo tra l’altro: “…rivendico ciò che ho fatto. Chiedere misure alternative sarebbe stato come ammettere che avevo fatto qualcosa di sbagliato. Vale la pena di affrontare anche il carcere per una battaglia giusta.”

Mentre i responsabili di crolli di ponti che hanno causato molti morti, o i responsabili di crolli di banche che hanno ridotto sul lastrico le persone, prendono buonuscite gigantesche, mentre continua la piaga del caporalato per la raccolta della frutta, tanto al sud come al nord, effettuata da migliaia di stranieri costretti a “vivere” in lager in condizioni disumane e con paghe bassissime e in nero, lo Stato si conferma ancora una volta forte con i deboli e debole con i forti, dimostrando ottusità e totale mancanza di buon senso. La lotta notav è una delle più importanti lotte contro le nocività degli ultimi decenni. Rivendicare il proprio impegno, non solo a parole, per la difesa e l’amore del proprio territorio è cosa che anche noi facciamo nostra.

LIBERTÀ PER NICOLETTA

Nicoletta Dosio è stata arrestata. La sera del 30 dicembre solerti carabinieri l’hanno prelevata dalla sua abitazione di Bussoleno per condurla nel carcere di Torino.
Non è importante ricordare i dettagli della condanna: Nicoletta, 73 anni, NoTav, è stata arrestata perché da quasi trent’anni si oppone a un’opera criminale che devasterà, e sta già devastando, la sua (e nostra, di noi tutti) valle.

Come anarchici, ci uniamo alle grida “vergogna, vergogna” lanciate durante l’arresto di Nicoletta all’indirizzo degli esecutori del potere.

Come anarchici, non ci stupisce che uno Stato che schiera soldati, poliziotti e carabinieri per difendere un’opera demenziale abbia il coraggio di arrestare una donna di 73 anni che ha l’unica colpa di voler difendere la propria terra.

Come anarchici, non ci stupisce che quello stesso Stato, per reprimere le manifestazioni di dissenso, utilizzi candelotti lacrimogeni a base di gas Cs, un gas che è a tutti gli effetti un’arma chimica, messo al bando addirittura dalle convenzioni di Ginevra, ma evidentemente non dal nostro democratico paese che lo fornisce ai suoi zelanti tutori dell’ordine.

Come anarchici, non ci stupisce leggere di volta in volta le connessioni mafiose delle imprese a cui è stata appaltata la realizzazione dell’opera (libertà è partecipazione agli utili, cantava qualcuno…).

Come anarchici, saremo anche noi in piazza a gridare libertà per Nicoletta e per tutti gli altri detenuti e perseguiti in questo criminale accanimento contro un movimento di resistenza e difesa della terra.

NOVARA, PIAZZA DELLE ERBE
sabato 4 GENNAIO 2020, h 15:00

Pubblicato in News

Il ferroviere di San Siro

Alle ore 21 di venerdì 18 ottobre 2019
nella sala del circolo La Fratellanza
in via Monte San Gabriele 15 a Novara

il Circolo Zabriskie Point di Novara ricorda
Giuseppe Pinelli

saranno presenti:

CLAUDIA PINELLI
figlia di Giuseppe

FRANCO SCHIRONE
curatore del testo “Il ferroviere di San Siro
edito
dall’Associazione Culturale “Pietro Gori” di Milano e dall’Unione Sindacale Italiana (USI-CIT)

La figura di Giuseppe Pinelli, a cominciare dal libro di Camilla Cederna in poi, è stata tante volte descritta, e in questo cinquantesimo anniversario vogliamo parlare ancora di lui; lo vogliamo però ricordare sotto un particolare profilo: la sua sensibilità verso il mondo del lavoro, il suo essere cosciente che una emancipazione dei lavoratori dal lavoro salariato è la base per un cambiamento radicale della società. E non a caso sceglie di orientarsi verso l’Unione Sindacale Italiana che è stata parte importante nella storia del movimento operaio in Italia prima che il fascismo l’annientasse. Un orientamento sindacale, quello di Pinelli, che non si limita alle quotidiane conquiste o alla difesa di ciò che si è ottenuto con le lotte ma che ha come obiettivo finale la gestione diretta della produzione da parte dei lavoratori, l’abolizione del padronato, un radicale cambiamento sociale che abbia come finalità una società di liberi ed eguali, di uomini e donne coscienti, istruiti, solidali. La lettura di queste pagine ci riporta ad un momento importante della storia del Novecento, a quei fine anni Sessanta effervescenti per i movimenti di lotta in atto nelle fabbriche, nelle università e nei quartieri. Sono stati raccolti i volantini che Pinelli ed i suoi compagni dell’USI-Bovisa (alla quale si affianca l’USI-Centro) hanno diffuso tra i lavoratori, gli articoli pubblicati sul settimanale anarchico “Umanità Nova”, le testimonianze di chi gli è stato vicino nell’attività sindacale e non solo. (brano tratto dalla prefazione del libro presentato)

Pubblicato in News

PRIMA DI PIAZZA FONTANA

Alle ore 21 di venerdì 11 ottobre 2019
nella sala del circolo La Fratellanza in via Monte San Gabriele 15 a Novara

Paolo Morando
presenta il suo nuovo libro

PRIMA DI PIAZZA FONTANA
LA PROVA GENERALE
Editori Laterza

Una piccola storia ignobile della giustizia italiana, subito cancellata e rimossa. La prova generale della strategia della tensione. A cinquant’anni dai fatti, un libro-inchiesta, degno erede dei lavori di Corrado Stajano e di Camilla Cederna, rivela le verità nascoste di uno dei momenti chiave della storia repubblicana. Milano, 25 aprile 1969: due ordigni scoppiano alla Fiera campionaria e all’Ufficio cambi della Banca Nazionale delle Comunicazioni della Stazione centrale, provocando una ventina di feriti. È il primo atto della campagna di attentati che pochi mesi dopo porterà a Piazza Fontana. L’Ufficio politico della questura, fin dalle prime ore, punta verso gli anarchici. A condurre le indagini sono il commissario Luigi Calabresi e i suoi uomini, gli stessi che si troveranno nel suo ufficio la notte della morte di Giuseppe Pinelli, nome che nell’inchiesta spunterà di continuo, come quello di Pietro Valpreda, che già qui si profila come futuro capro espiatorio. Nel giro di pochi giorni vengono arrestati tre giovani (e altrettanti nelle settimane successive) e una coppia di noti anarchici milanesi, amici dell’editore Giangiacomo Feltrinelli, che pure verrà rinviato a giudizio assieme alla moglie. Due anni dopo, con un colpo di scena dietro l’altro, il processo chiarirà le dimensioni della macchinazione anti-anarchica innescata da quegli attentati. Una vicenda determinante per comprendere fino in fondo i misteri di Piazza Fontana. Un racconto serrato di una pagina nera per la giustizia italiana, da allora totalmente rimossa dalla memoria, che assume nuova luce grazie alla scoperta di documenti fin qui inediti. (dal sito di Laterza e dalla seconda e dalla quarta di copertina)

Pubblicato in News

“NEGRO DOVEVI AFFOGARE”

Il 5 agosto 2019 è stato convertito in legge il decreto sicurezza bis che prevede, tra l’altro, un milione di euro di multa per chi soccorre e salva naufraghi violando il divieto di ingresso, transito e sosta in acque territoriali italiane e anche l’arresto del comandante dell’imbarcazione soccorritrice se resiste o commette violenza contro una nave militare. Salvare vite umane, nel Belpaese, è diventato un reato.

Qui di seguito riportiamo alcuni stralci di una lettera di Gabriella Nobile, fondatrice dell’associazione “Mamme per la pelle”, apparsa il 6 agosto 2019 sul quotidiano La Repubblica:

Proprio la settimana scorsa a Recco, in Liguria, mio figlio Fabien, tredicenne, è stato vittima di due episodi di forte razzismo. In vacanza con la nonna, giocava spensieratamente a calcio con gli amici nella piazzetta sul lungomare. Una signora passa in mezzo ai ragazzi e una pallonata la colpisce al viso. La sorte ha voluto che il piede che calciava fosse quello di mio figlio, unico nero del gruppo. Il marito, ancora prima di chiedere come stesse la moglie, si è scagliato contro il ragazzo urlando: “Dammi i documenti. Fammi vedere il permesso di soggiorno”. La situazione è degenerata e sono state addirittura chiamate la polizia e l’ambulanza. Vi lascio immaginare il terrore e la vergogna negli occhi di Fabien e l’incredulità della nonna nel doverlo difendere mostrando alle forze dell’ordine i documenti comprovanti la sua nazionalità italiana. Il secondo episodio è avvenuto due giorni dopo in spiaggia. Un ragazzo sui trent’anni l’ha improvvisamente spintonato dicendogli: “Negro di merda, torna a casa tua, questo paese è nostro! Peccato che non sei annegato con gli altri”.[……..] Quando un Ministro della Repubblica, su un palco di un comizio, davanti a centinaia di persone si permette di affermare “Non voglio più bambini confezionati dall’Africa, non accetteremo sostituzione di popoli con popoli!”, dà uno schiaffo alla nostra genitorialità adottiva. Con la conseguente legittimazione di attitudini manifeste non ponderate. In una parola “intolleranti”. C’è una vera e propria caccia al nero, ormai nero è uno straniero, nero è un immigrato, nero è un delinquente. Come riconoscere un malfattore da uno studente quando hanno la stessa sfumatura di pelle? Potremmo pensare di tatuare sulla fronte dei nostri ragazzi “sono italiano” ma qualcosa mi rimanda indietro di anni e anni alla stella di David cucita sui vestiti. Come possiamo far crescere dei giovani che saranno il futuro di questo Paese in una società che li rifiuta o li guarda con sospetto perché di colore diverso?