Oggi un altro morto sul lavoro, domani si vedrà…

Oggi un altro morto sul lavoro, domani si vedrà…

 

In questo Primo Maggio 2018 siamo costretti a ricordare i numerosi morti sul lavoro, che, nel momento in cui scriviamo, sono 169 dall’inizio dell’anno. Si tratta di un tema che le forze politiche nell’ultima campagna elettorale hanno sistematicamente ignorato e rimosso, forse anche perché Lorsignori non hanno mai provato ad alzarsi alle sei del mattino per andare a fare un lavoro di merda e pagato con un salario insufficiente a vivere dignitosamente. Per non parlare della piaga del precariato che accomuna più generazioni. Non hanno speso nemmeno una parola sul cosiddetto “decreto Brunetta” che fa aspettare per almeno due anni la liquidazione ai lavoratori pubblici che vanno in pensione. Alcune forze politiche hanno fatto propaganda becera contro i migranti, “dimenticandosi” del regime di schiavitù in cui vivono, si fa per dire, molti lavoratori stranieri. Agro Pontino, una storia emblematica: Zulfqar Ahmed, indiano sikh, lavorava 7 giorni su 7 e il padrone lo pagava 164 euro al mese. Zulfqar, durante un giorno di lavoro, si è impiccato alla trave di una serra. Negli ultimi due anni, nell’Agro Pontino, tra cocomeri, meloni, stelle di Natale, mozzarelle di bufala, si sono suicidati 10 braccianti. 150 lavoratori, negli ultimi tempi, hanno denunciato questo sfruttamento fatto anche di violenze fisiche: chi protesta viene preso a bastonate e scaricato davanti al pronto soccorso. A questi lavoratori va la nostra solidarietà umana e sociale. La nostra solidarietà non può andare invece agli operai che assemblano i cacciabombardieri F-35 a Cameri: operai che in questi giorni hanno minacciato di scioperare chiedendo di essere stabilizzati nel loro posto di lavoro. Il vostro precariato non ci interessa: chi produce strumenti di guerra, e quindi di morte, è complice dello sfruttamento e dell’oppressione verso altri lavoratori.

Le origini del Primo Maggio sono legate allo sciopero generale di Chicago del 1886 e alla conseguente condanna a morte di cinque anarco-sindacalisti. In loro onore il Primo Maggio è stato dichiarato “giorno di sciopero internazionale”.

Oggi imperano caporalato e precariato, ma la tensione etica per un nuovo modo di produrre e di vivere deve riprendere, fino a farsi prassi quotidiana.