PER UN PIATTO DI MINESTRA, RESTIAMO DISUMANI

PER UN PIATTO DI MINESTRA, RESTIAMO DISUMANI

“Io quest’anno mangio giù, dove si mangiano i panini. Volevo mangiare con i miei amici. È un po’ triste e mi sembra strano perché ci dividono dai bambini italiani…” “La maestra ci ha detto che alcuni genitori pagano una cifra più alta e mangiano in mensa. Gli altri no… Mi sono vergognata.”

Queste sono due frasi di un bambino e di una bambina di Lodi, vittime dell’apartheid voluto dall’amministrazione comunale di quella città: dal 2018, per i cittadini nati al di fuori dell’UE, c’è l’obbligo di presentare anche dei certificati rilasciati dal Paese d’origine che attestino che essi sono nullatenenti. Ma in quei Paesi spesso non esiste un catasto informatizzato e spesso rientrare in quei paesi da cui si è scappati non è una buona idea. Un signore anziano di Lodi, intervistato dalla TV, dice che “sono come le zecche dei cani.” Noi purtroppo pensiamo che “le zecche dei cani” si siano installate, da un po’ di tempo, nei cervelli di tanti cittadini e che riuscire a guarire da questa situazione non sia impresa facile. Ci auguriamo anche che l’intervistato di cui sopra non abbia nipoti da accompagnare a scuola: ciò per non instillare ai bambini logiche razziste. Al momento in cui scriviamo questo comunicato, forse i 200 bambini figli di stranieri, ma nati in Italia, troveranno una “sistemazione” grazie alla solidarietà di molti abitanti della bella città della Pianura Padana che stanno raccogliendo i soldi necessari per far mangiare questi bambini nelle mense.

Ad ottant’anni dalle leggi razziali volute dal regime fascista c’è chi commemora così. L’Italia rimane un Paese strano: chi ruba milioni e sequestra persone inermi è lì al suo posto e buca tutti i giorni gli schermi televisivi, chi ripopola una paese in agonia con uno splendido arcobaleno etnico vien messo agli arresti. Per concludere: a questi bambini colpevoli di essere figli di migranti non abbienti l’esclusione dal consumare il pranzo a scuola può causare gravi traumi psichici.

Siamo stanchi di sciorinare cifre su sfruttamento e morte di migranti, ma esterniamo comunque, per l’ennesima volta, il nostro schifo per queste logiche vergognose. Prima i proletari, certo, ma, soprattutto, prima gli esseri umani, cominciando da quelli più indifesi e colpevoli di nulla.

 Contro ogni razzismo, perché, oggi come ieri, nostra Patria è il Mondo intero.

Pubblicato in News